La demolizione dell’ex Bormioli Rocco di Parma si è composta di tre fasi lavorative: un primo strip out, ovvero l’asportazione preliminare e selettiva di tutti i materiali che possono essere riciclati o avviati in discarica, una seconda fase di bonifica vera e propria con la rimozione di lane minerali e materiale contenente amianto, ultima fase, l’attività di demolizione.
I fabbricati da bonificare e demolire si presentavano con conformità differenti sia per dimensione, sia per forma, e soprattutto per materiali di costruzione, portando così l’azienda ad utilizzare mezzi diversi a seconda delle necessità.
Il progetto di bonifica e demolizione dell’area della ex Bormioli Rocco ha avuto, tra i suoi obiettivi principali, quello di ridurre al minimo i potenziali disagi per il quartiere, compresa una riduzione dei tempi di lavorazione.
Proprio la grande esperienza formatasi nel corsi di oltre 26 anni di attività su tutto il territorio nazionale permette a General Smontaggi di prevedere possibili difficoltà ed attuare le migliori soluzioni per porvi rimedio. Un esempio concreto è stato rappresentato dalle opere di mitigazione del disagio del quartiere realizzate, come ad esempio barriere perimetrali di contenimento del rumore e delle polveri alte ben 6 metri che hanno ridotto drasticamente l’impatto acustico e di polveri del cantiere.
Durante tutta la durata della demolizione, inoltre, General Smontaggi si è avvalsa di cannon fog posizionati vicino all’area di lavoro, con lo scopo di abbattere ulteriormente le eventuali polveri generate dalla demolizione.